Assistenza sanitaria all'estero

Quando si va all'estero per motivi di studio, lavoro, vacanza o altro è importante sapere come fare per ricevere assistenza sanitaria. Prima di partire, è opportuno informarsi sul tipo di assistenza sanitaria erogata e sulle modalità di accesso.

Con la nuova Tessera sanitaria, che vale anche come documento a titolo di Tessera Europea di Assicurazione Malattia (Team), le persone residenti in Italia hanno diritto ad accedere alle prestazioni sanitarie, medicalmente necessarie e non solo urgenti, nei paesi dell'Unione Europea e in Norvegia, Islanda, Liechteinstein e Svizzera, al pari dei cittadini lì residenti.
La Tessera Sanitaria sostituisce in questi paesi una serie di vecchi modelli cartacei. Per chi fosse ancora sprovvisto della Tessera Sanitaria, è possibile chiedere un certificato alla propria Assl di appartenenza che ha valenza momentanea.

È bene sapere che l'assistenza per la copertura totale o parziale delle spese sanitarie all'estero vale solo nei paesi che hanno stipulato accordi bilaterali con l'Italia, nel qual caso è sufficiente portare con sé il "certificato sostitutivo provvisorio" rilasciato dall'Assl.

Prima di intraprendere un viaggio, è buona norma accertarsi presso l'Assl della copertura prevista nei paesi in cui si intende andare. In caso contrario, è utile valutare l'eventuale opportunità di stipulare una apposita polizza assicurativa.

Allo stesso tempo, prima di partire è bene verificare sempre se nel paese di destinazione è obbligatorio o facoltativo vaccinarsi contro specifiche malattie, ad esempio l'epatite, la febbre tifoide, la febbre gialla, la difterite, oppure se è necessario eseguire la profilassi contro la malaria.

Per viaggiare sicuri e informati, maggiori informazioni sono disponibili sul sito del Ministero della Salute, sul sito "Se parto per":
Consulta sito "Se parto per ….
Tuttavia, è sempre opportuno consultare l'Ufficio Rapporti Internazionali della propria Assl di appartenenza.


Cittadini all'estero per motivi di lavoro, studio o vacanza

All'estero per motivi di lavoro
Il Servizio Sanitario Nazionale disciplina l'assistenza sanitaria dei cittadini italiani e dei loro familiari durante la permanenza all'estero dovuta a motivi di lavoro. Ad essi è riconosciuta la piena tutela assicurativa sia in forma diretta, sia in forma indiretta.
Si possono presentare tre situazioni:
• Stati dell'Unione Europea (UE), Norvegia, Islanda, Liechteinstein e Svizzera:
- soggiorno temporaneo: i lavoratori subordinati (pubblici e privati), i lavoratori autonomi e i lavoratori dei trasporti internazionali utilizzano la Team (o il certificato sostitutivo provvisorio).
- residenza: i lavoratori che trasferiscono per motivi di lavoro la residenza all'estero (intesa come abituale dimora) hanno diritto al rilascio da parte dell'Assl del modello S1 (E106), che assicura per sé e per i propri familiari l'assistenza sanitaria secondo le stesse regole e gli stessi livelli riconosciuti ai lavoratori residenti.
• Stati convenzionati: nei paesi che hanno stipulato accordi bilaterali con l'Italia, l'assistenza sanitaria per i lavoratori e loro familiari che trasferiscono per motivi di lavoro la residenza all'estero è assicurata in forma diretta o indiretta, a seconda di quanto previsto dalla Convenzione.
• Paesi non convenzionati: l'assistenza sanitaria all'estero è garantita dal DPR n. 618 del 31/7/1980 che assicura la copertura assistenziale in qualsiasi Paese del mondo ai cittadini italiani regolarmente iscritti al SSN che si recano all'estero in distacco lavorativo per brevi periodi. Prima di partire, bisogna richiedere alla propria Assl di appartenenza l'attestato previsto dall'art. 15 del DPR 618/80, la cui prima parte deve essere compilata e firmata dal titolare avente diritto.
Attestato per avere assistenza sanitaria all'estero [file.pdf]

All'estero per motivi di studio
Gli studenti e i titolari di borsa di studio godono della copertura sanitaria all'estero secondo due diverse modalità a seconda dello Stato prescelto:
• Stati dell'Unione Europea (UE), Norvegia, Islanda, Liechteinstein e Svizzera: l'assistenza sanitaria è equivalente a quella dei lavoratori ed è assicurata dalla TEAM (o in mancanza dal certificato sostitutivo)
• Paesi non convenzionati: l'assistenza sanitaria all'estero è garantita dal DPR n. 618 del 31/7/1980.
Prima di partire bisogna richiedere sempre alla propria Assl l'attestato previsto dall'art. 15 del DPR 618/80, la cui prima parte deve essere compilata e firmata dal titolare avente diritto.

Entro tre mesi dalla prestazione sanitaria, è possibile richiedere il rimborso per le spese sanitarie sostenute.

All'estero per turismo
Coloro che si recano all'estero per motivi di turismo hanno diritto a richiedere l'assistenza sanitaria. In questi casi si possono presentare diverse situazioni legate per esempio al fatto che ci si trovi in paesi convenzionati con l'Italia per l'assistenza sanitaria o paesi non convenzionati.


Attenzione: A causa dell'emergenza Covid-19, le domande dovranno essere inoltrate via e-mail ai seguenti indirizzi o presentate in busta chiusa ai relativi Uffici protocollo del distretto di appartenenza:


Uffici Rapporti Internazionali Assl Oristano

Distretto di Oristano
Via Carducci, 41 09170 Oristano
Tel: 0783317761 - 0783317762
E-mail: distretto.oristano@atssardegna.it

Distretto di Ales
Via IV Novembre snc 09091 Ales
Tel 078391111 07839111342
E-mail: amm.distretto.at@atssardegna.it

Distretto di Ghilarza-Bosa
Ghilarza
Via Matteotti n 27 09064
Tel 0785560300
E-mail: distretto.ghilarzabosa@pec.atssardegna.it

Bosa
Via Amsicora n 16 09089
Tel 0785225376
E-mail: distretto.ghilarzabosa@pec.atssardegna.it


Tutte le istanze relative al rilascio della modulistica potranno essere richieste utilizzando l’apposito modulo:
Richiesta moduli

Per maggiori informazioni, è possibile consultare il sito del Ministero della Salute.

Link correlati:
http://www.salute.gov.it